Ricette da Film

domenica 29 marzo 2009

"Vi farò un'offerta che non potrete rifiutare"

Quando ho visto questa raccolta ideata da Elle ho subito pensato che sarebbe stato molto bello partecipare ma di fatto non sapevo cosa presentare perchè, nonostante sia una grande amante di cinema e serate passate sul divano a guardare films, non mi veniva in mente niente di buono. Pensavo e ripensavo a tutti i film che mi è capitato di vedere ma non riuscivo a collegarne nessuno con una vera e propria ricetta, semmai con atmosfere e scene di tavolate imbandite che potevano sì ispirare certe atmosfere e rimandare a determinate prelibatezze ma non mi andava bene: volevo un film in cui fosse veramente descritto un piatto.
Doveva pur esserci qualcosa di simile nella vasta produzione cinematografica internazionale!
Niente, la mia mente non ricordava nulla di simile e non volevo assolutamente affidarmi ad alcuna delle commedie ambientate nella cucina che ultimamente si trovano con fin troppa facilità negli scaffali dei video-noleggi, quei film non fanno per me, non mi piacciono proprio!
Così avevo messo l'anima in pace, rassegnata a lasciar perdere questa raccolta che tanto mi ispirava ma per la quale non trovavo ciò che volevo.
La svolta.
Una sera Julietto si presenta tutto felice con un film che mai mi sarei aspettata da lui: Il Padrino.
In realtà la sua (e mia) passione per il genere mafia si sta sviluppando dopo aver iniziato a guardare la serie dei Soprano, in cui il film di Francis Ford Coppola è spesso citato da uno dei personaggi che si diverte a fare l'imitazione del padrino...
Potrei continuare a raccontarvi tutto per filo e per segno ma non mi sembra questo il luogo e momento adatto perciò passerò a raccontarvi la tanto sperata ricetta con cui ho deciso di partecipare alla raccolta:

RICETTE DA FILM


IL PADRINO (The Godfather)
Il Padrino è un film del 1972 del regista Francis Ford Coppola, basato sul romanzo di Mario Puzo.
Per maggiori info sul film vi rimando quì.
Ciò che mi interessa mettere in evidenza al fine di proporvi una ricetta è un passaggio del film in cui Michael Corleone, ultimo figlio del boss Vito e suo successore (lo vedremo protagonista dei due episodi successivi), affronta un momento di "passaggio iniziatico" alla malavita proponendosi alla famiglia per vendicare il padre in seguito ad un attentato.
Il personaggio che gli insegnerà i "trucchi del mestiere" è Peter Clemenza, affiliato e fidato collabore di Don Vito da moltissimi anni.
Bene, in una scena del film vediamo questo ometto rotondo ai fornelli alle prese con un la peparazione di un piatto con cui , a suo dire, ci si possono sfamare 20 figli .
Eccovi la scena e la ricetta da lui descritta in tutte le sue fasi.




Che dire, magari sembrerà molto banale ma a me è venuta una fame quando l'ho visto spignattare che non ho resistito e ho deciso di proporla a casa, e virtualmente anche a voi.

Polpette e Salsiccie "alla Clemenza"
dal film "Il Padrino"
anno 1972

Il piatto in se è davvero molto semplice perciò mi limiterei a dirvi di seguire le indicazioni del caro signor Clemenza e di scegliere le salsiccie e le polpette in base al vostro gusto.
Per quanto mi riguarda ho usato salsiccia di suino tradizionale (quella grossa) che ho tagliato a rondelle e ho fatto rosolare in padella su entrambi i lati, con uno spicchio di aglio, in modo da sgrassarla. Ho tolto l'aglio e aggiunto le polpettine, che ho fatto mettendo al mixer due fette di fesa di tacchino alle quali ho poi aggiunto un pizzico di sale, due foglie di basilico e due cucchiai di pangrattato. Ho fatto rosolare le polpette con la salsiccia e ho sfumato con un pochino di vino rosso; quando questo è evaporato ho aggiunto pomodorini tagliati a metà, ho dato una mescolata e cosparso con basilico tagliuzzato. Ho spento la fiamma e chiuso con il coperchio e ho lasciato intiepidire e insaporire tutto insieme. Infine ho impiattato con fette di pane insipido.


A mio parere un bel piatto gustoso e molto italiano, sia nei sapori e profumi, sia nei colori!

Il Video è opera magistrale di Julietto!

12 commenti:

Okkidigatta ha detto...

.....proprio un piatto di casa nostra !!!!! complimenti ....kisssss

Patricia ha detto...

Fra, le tue foto sono splendide! Il basilico, i pomodorini, il pane non mi fa pensare ad altro che non all'italia. Per non parlare del sapore... io adoro il tacchino, che oltre ad essere buonissima è una carne abbastanza magra.
Complimenti per la scelta. Ti saluto (con allo sfondo la canzoncina del Padrino).
Buon inizio di settimana,
Pati

Simo ha detto...

Splendida presentazione ed ottimo piatto....bravissima!
Poi il Padrino....li ho visti tutti....

Kitty's Kitchen ha detto...

Adoro quel film ricetta azzeccatissima! Foto Splendida! Che dire di più... Mi meritoun assaggio!!??
Complimenti bravissima FRA!

La cuisine di Anna Paola ha detto...

Grazie per essermi venuta a trovare, devo dire che il tuo micio a la stessa espressione da furbetto del mio Biagio (gatto abbandonato nel mio giardino che non aveva neanche 1 mese, quindi trovatello ma uguale ad un norvegese)
saluti
Paola

La cuisine di Anna Paola ha detto...

Grazie per essermi venuta a trovare, devo dire che il tuo micio HA la stessa espressione da furbetto del mio Biagio (gatto abbandonato nel mio giardino che non aveva neanche 1 mese, quindi trovatello ma uguale ad un norvegese)
saluti
Paola

Onde99 ha detto...

Confesso la mia ignoranza: non ho mai visto il film... ma la ricetta sento già di amarla!!! Salsicce, polpettine, pomodorini, basilico... non manca niente di quello che cerco in un piatto di carne!

Valentina ha detto...

Ciao Fra, piacere di conoscerti!
e complimenti x il tuo blog...

Mammazan ha detto...

Sembra una ricetta semplice ma è anche geniale per i vari accostamenti...
Compliments

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Una splendida e gustosa ricetta e delle foto che rendono completamente l'idea del delizioso piatto :-) Laura

LaFRA ha detto...

Grazie a tutte! Il piatto è stato molto gradito da tutti in casa e la padrino-mania sta dilagando! Mi sono vista anche il 2 e stasera guarderò il terzo episodio... Mi sento davvero di consigliarlo a quanti non l'anno visto, io ero scettica ma mi sono dovuta ricredere!
Le foto... devo essere sincera, è tutto merito della macchina: io imposto semplicemente senza flash (se è possibile e non è troppo buio) e poi cerco di tenere la mano il più immobile che si può! A dire il vero avrei un caro amico che mi ha fatto una lezioncina veloce su questioni un pò più tecniche, ma non mi sono ancora applicata perchè, come spesso accade, in sua presenza applicarsi è stato di una semplicità disarmante ma puntualmente una volta a casa non sono riuscita a impostare bene tutto... ho ripiegatpo sul mio vecchio metodo in attesa di ricevere qualche altro suggerimento!

sweetcook ha detto...

Ma che carine!! Fameeeeeeee:D